Come assicurare il tuo drone e i danni da esso causabili?

Come ben evidenziato sul portale ENAC nella sezione FAQ, l’assicurazione è obbligatoria per i SAPR/APR nel caso di utilizzo professionale.

E’ comunque consigliabile prevedere una copertura assicurativa anche nel caso di utilizzo hobbystico.

Nella scelta della polizza assicurativa bisogna considerare innanzitutto la destinazione d’utilizzo del drone.


Polizza (obbligatoria) per utilizzo professionale SAPR

Costo indicativo: 250-300 euro per droni con peso tra 300 gr e 4 kg / anno – 300-500 euro per droni con peso tra 4 e 25 kg / anno

L’articolo 32 del Regolamento Enac stabilisce che un professionista debba almeno coprirsi con una polizza di responsabilità verso terzi.

L’articolo 7 del Regolamento CE n. 785 del 2004, invece, indica i massimali minimi: nel caso dei droni, che sono aeromobili sotto i 25 kg, il massimale minimo stabilito non deve essere inferiore ai 750 mila Diritti Speciali di Prelievo (un tipo di valuta internazionale), pari a circa 800 mila euro.

Il regolamento Enac prevede sanzioni importanti stabilite dal Decreto Legislativo 197/2007. Chi non rispetta i requisiti assicurativi minimi può incorrere in una multa che va dai 30 ai 60 mila euro, mentre chi non è assicurato può vedersi comminare un’ammenda da 50 a 100 mila euro. Senza dimenticare le pene accessorie come la sospensione parziale o totale e la revoca delle autorizzazioni o delle certificazioni rilasciate dall’Enac.

L’assenza della polizza o il mancato rispetto dei minimi assicurativi sono le due infrazioni più pesanti per i piloti di Sapr, ma ce ne sono altre, come la mancanza della targhetta identificativa del drone (206 euro di multa) o del manuale di volo in cui sono riportate le missioni svolte dal velivolo (9.296 euro), o il sorvolo di aree congestionate, assembramenti di persone o agglomerati urbani senza le necessarie autorizzazioni (512 euro).

Come assicurare il tuo drone? : Danno causato da un drone

Polizza (obbligatoria) per SAPR inoffensivo (peso al di sotto dei 300 gr)

Costo indicativo 200-250 euro / anno

Le polizze per aeromodellisti (hobby) non sono legalmente valide per questa categoria di SAPR, esistono comunque delle polizze create appositamente per questa categoria di droni e con un costo decisamente inferiore rispetto ai SAPR con peso superiore a 300gr.

Come assicurare il tuo drone? : Impatto tra un drone ed uno sciatore durante una gara del campionato mondiale

Polizza (non obbligatoria) per Hobbysti

Costo indicativo 30-50 euro / anno

Per legge non si è tenuti ad avere un’assicurazione se il drone è utilizzato solo per hobby ma, trattandosi di un’attività che potenzialmente può creare diversi danni, anche di grande entità sia a cose che persone, è comunque opportuno volare con tranquillità e tutelarsi con una polizza assicurativa.
Le polizze assicurative per aeromodellisti hanno costi relativamente bassi, pertanto con un investimento minimo è possibile avere coperture con massimali abbastanza alti.

Una delle più comuni scelte per assicurare il proprio hobby è usufruire delle garanzie allargate dell’RC Capofamiglia che tutela dai piccoli e grandi incidenti della vita quotidiana, come i danni a terzi (lesioni o decessi) e ai loro beni, sia quando a causarli è il capofamiglia, sia quando sono i suoi figli, i suoi animali domestici o, in questo caso, il suo aeromodello. Naturalmente, la copertura vale solo per chi utilizza i droni per scopi ricreativi e sportivi, a patto che le loro caratteristiche e le modalità di utilizzo siano in linea con la normativa.


I punti principali da considerare, quando si decide di assicurare il proprio drone per attività hobbystica, sono:

  • l’assicurazione copre soltanto il singolo aeromodello oppure l’attività e quindi l’intera flotta?
  • nel caso si scelga di assicurare il proprio hobby con una polizza del capofamiglia bisogna verificare che quest’ultima copra effettivamente l’attività di aeromodellismo (e non la escluda magari con clausole scritte in caratteri minuscoli)
Come assicurare il tuo drone?

Clicca qui per accedere al Regolamento (CE) 785/2004 dell’ENAC sui cui è possibile leggere l’intera normativa ENAC in materia di assicurazione SAPR/APR.


Siti e portali su cui valutare diverse offerte assicurative

Di seguito un elenco di siti e portali su cui approfondire e valutare le diverse offerte per assicurare il tuo drone, sia esso usato per hobby che per scopi professionali:
CABI la prima società di brokeraggio in Italia a costruire prodotti assicurativi specifici per il settore uav.
HDB Da anni operativi nel settore droni, offrono coperture estese stipulate tramite il mercato dei Lloyd’s e in Italia con i maggiori player. Sono in grado di personalizzare la copertura a seconda delle necessità.
FIAM iniziativa nata nel 2012 per dare assistenza assicurativa anche a coloro che non sono iscritti per molteplici ragioni ad un Club, o sono iscritti ad una associazione non FIAM, ma hanno qualche dubbio sulla portata dell’assicurazione fruita o ancora hanno polizze personali, ma non sono sicuri che l’attività aeromodellistica sia opportunamente coperta
ASSI.GE.CO. portale assicurativo dedicato a chi utilizza il drone a livello professionale. Il portale offre coperture multibrand per una protezione completa, in linea con gli obblighi imposti dai Regolamenti Enac.
ZURICH Aviation è rivolta a imprese con aeromobili privati, da quelli di piccole dimensioni ai jet aziendali, dal singolo velivolo al grande parco di jet privati dell’operatore commerciale.
UNIPOL SAI partner assicurativo per gli iscritti al portale www.ispezionicondrone.it
CUOMO ASSICURAZIONI in grado di proporre soluzioni assicurative tanto per la Responsabilità Civile tanto per i danni ai SAPR.

Andrea Pastore

Dottore in Ingegneria dell'Informazione Cisco Certified Network Associate Simulator Technician I- Customer & Training Services - Defence & Security @ CAE https://www.cae.com/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.