Droni militari per il combattimento

Non solo per la ricognizione, ma anche per il dogfight

Come già noto, oltre agli aspetti ludici e di business, i droni vengono utilizzati soprattutto per gli scopi militari.

Un chiaro esempio sono i droni Predator della General Atomics, utilizzati per la ricognizione aerea di lunga durata. I droni di ricognizione sono equipaggiati con sensoristiche avanzate, necessarie alla scansione dettagliata di obiettivi specifici.

La ricognizione aerea con droni è generalmente utilizzata per il monitoraggio del nemico senza il trasporto nè di armi, nè di personale militare. Ma la fase successiva nell’utilizzo degli apr, consisterà nell’utilizzare i droni in ambito dogfight, ossia combattimento aereo.

Un gregario che aggiunge potenza di fuoco a prezzi accessibili

L’Air Force statunitense ha da poco completato un importante flight test: lo scopo è il futuro rilascio di un veicolo senza equipaggio che si comporti da “leale gregario“. La sua peculiarità sarà aggiungere potenza di fuoco a prezzi più accessibili.

Boeing e Kratos le aziende coinvolte

La californiana Kratos, ha sviluppato il drone XQ-58A Valkyrie. Testato lo scorso 5 Marzo in Arizona, secondo gli esperti del settore, si è comportato come previsto. Di seguito un video del test

Un successo per Kratos, che si conferma a questo punto competitor della più conosciuta Boeing, ora tra l’altro impegnata a difendersi dallo accuse ricevute per il disastro aereo del 737 della flotta Ethiopian Airlines.

Proprio una settimana prima del test effettuato con il Kratos XQ-58A, Boeing ha svelato il suo drone gregario sviluppato in Australia, e destinato alle performance “Fighter Like“.

il drone boeing competritor del drone kratos
Droni militari per il combattimento: il drone Boing, che ha anticipato di una settimana il modello Kratos

Come si legge nel presente articolo, il “Loyal Wingman“, è progettato per l’integrazione dei veicoli apr all’interno degli scenari di guerra in cui si destreggiano i veicoli con pilota.

Un apr può eseguire delle manovre più pericolose e può essere impiegato per tattiche più critiche. Può quindi contribuire alla preservazione di vite umane durante un possibile scenario di guerra.

Giacomo Delfini

Giacomo Delfini, è editore e webmaster del team Robocotteri.it La lista dei suoi articoli

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.